A Più Voci – La scuola va avanti grazie all’energia di chi ne fa parte


Il progetto, realizzato da Save the Children Italia e Cooperativa E.D.I., ha previsto numerose attività dedicate a studenti, docenti, famiglie, associazionismo e servizi. Protagonisti del progetto sono state 16 classi degli Istituti Comprensivi Trilussa, Val Lagarina e Pertini di Milano (zone 8 e 9).

Attraverso i laboratori sulla motivazione sono stati accompagnati 320 studenti in una riflessione sul diritto all’istruzione e nella realizzazione di 58 spot radiofonici sul senso e l’importanza di andare a scuola. Per ripercorrere l’esperienza dei laboratori, clicca qui.

Grazie ai consigli consultivi (organi di dialogo tra studenti e docenti) sono stati individuati alcuni problemi delle scuole, per poi risolverli. Murales contro il grigio scolastico e “scatole dei pensieri gentili” al posto dei litigi, ma anche calendari (1 e 2) per promuovere una buona suddivisione dei compiti e poster (1 e 2), circolari e bidoni per prenderci cura degli spazi comuni. Per conoscere il lavoro di analisi svolto dagli studenti, clicca qui. Per capire meglio il punto di vista dei ragazzi sui consigli consultivi, è possibile leggere questa intervista

I corsi dedicati a docenti e genitori hanno coinvolto quasi 100 persone; attraverso la partecipazione a diverse iniziative scolastiche sono stati sensibilizzati 355 adulti. Per promuovere una maggior partecipazione ai corsi di formazione, i genitori dell’Istituto Comprensivo Val Lagarina hanno preparato uno spot radiofonico.

Il laboratorio territoriale ha permesso di approfondire il fenomeno della dispersione scolastica a Milano, mettendo in rete diversi soggetti che a vario titolo si occupano di questo tema. La pubblicazione “In rete contro la dispersione scolastica” sintetizza il percorso svolto e offre uno strumento operativo per tutte le persone che si occupano di minori a rischio nelle zone 8 e 9.

La conferenza finale, alla quale hanno partecipato oltre 200 studenti e 50 adulti, è stata l’occasione per presentare i risultati progettuali e valorizzare la partecipazione dei bambini/ragazzi coinvolti. Con l’aiuto di queste slide è possibile ricostruire i momenti più significativi dell’evento.

“A Più Voci” –  come il 2013 –  sta volgendo al termine. Continua però l’impegno di Save the Children e della Cooperativa E.D.I. nel contrasto alla dispersione scolastica, a Milano come in tante altre città italiane (Bari, Crotone, Napoli, Scalea). E continua nella convinzione che sia essenziale valorizzare il protagonismo dei bambini/ragazzi e la partecipazione attiva di docenti e famiglie nei contesti scolastici.  Questo perché – prendendo in prestito le parole di una studentessa coinvolta nel progetto – “la scuola va avanti grazie all’energia di chi ne fa parte”.

Carlotta Bellomi

(coordinatrice progetto)

 

La voce dei protagonisti del progetto

 “Essere un rappresentante del consiglio consultivo mi ha fatto sentire bene perché ho portato quello che pensavo della mia classe e della mia scuola, e l’ho portato lì per risolverlo, e appunto mi è piaciuto risolvere questi problemi” (studente IC Pertini, scuola secondaria di I grado)

Per molti ragazzi è stata l’occasione di esercitare un protagonismo positivo. Questo protagonismo che possiamo definire sano ha contribuito al loro cammino di crescita” (docente IC Val Lagarina, scuola secondaria di I grado)

Sono certa che mettendo a disposizione, ognuno, i propri doni per il bene della comunità, sarà possibile costruire insieme qualcosa di positivo per migliorare il rapporto dei nostri ragazzi, ma anche delle loro famiglie, con la scuola portatrice di Cultura, Relazioni, Appartenenza e Senso Civico. Grazie di nuovo a tutti coloro che si impegnano perché ciò possa realizzarsi!” (genitore IC Trilussa, scuola primaria)