4 Chiacchiere con gli esperti!


ll progetto “4 chiacchiere con l’esperto per il benessere di ragazzi e ragazze!”, realizzato dalla Cooperativa E.D.I. con il sostegno della Fondazione di Comunità Milano Onlus, si è sviluppato attraverso uno sportello di supporto psicologico ed educativo, con l’obiettivo di promuovere l’educazione positiva e rispondere al disagio della popolazione durante il periodo di lockdown dovuto all’emergenza sanitaria Covid19.

In particolare, grazie alla pluriennale esperienza in contesti di emergenza, si è proposto un servizio di consulenza telefonica realizzata con psicologi, psicoterapeuti ed esperti. Si è cercato di rispondere al bisogno di supporto alla genitorialità, messa a dura prova dalla gestione dei delicati aspetti emotivi, psicologici e sociali che i giovani stanno vivendo, ma si è anche voluto sostenere insegnanti ed educatori esposti al rischio di stress da lavoro correlato, causato dal cambiamento repentino di ambienti, strumenti e metodologie di lavoro.

Le difficoltà di relazione con coetanei e insegnanti, i conflitti in famiglia durante la condizione d’isolamento, oltre alla precarietà psicologica dovuta al susseguirsi di timori e incertezze, hanno aumentato la necessità d’interventi finalizzati al benessere di bambini e adolescenti. E.D.I. ha prontamente pensato di apportare un contributo di tipo nuovo alle criticità del momento, offrendo un servizio che fosse al tempo stesso integrato e diversificato rispetto a quelli già esistenti sul territorio prescelto del Comune di Milano, un aspetto rilevante dell’intervento che ha caratterizzato finora anche il suo successo. Alcuni anni di esperienza e di collaborazione lavorativa sul campo, nel Municipio 8, hanno infatti permesso di fare rete e di realizzare un intervento sperimentale, integrato e adeguato all’emergenza.

Leggendo i questionari di valutazione e gradimento, somministrati e analizzati nei primi mesi del progetto “4 chiacchiere con l’esperto per il benessere di ragazzi e ragazze!”, emerge una grande soddisfazione non solo per la presa in carico immediata e attenta e la facilità di accesso allo sportello, ma anche per la capacità di orientamento verso altri servizi già erogati.

La maggioranza delle persone fruitrici – insegnanti, genitori e adulti di riferimento – è stata informata del servizio sul sito del Comune di Milano. Tutte dicono di essere state accolte e ascoltate con neutralità e professionalità. Molte tra loro affermano di avere ricevuto risposte, consigli e suggerimenti utili ai bisogni effettivi, in alcuni casi anche strumenti e strategie per affrontare i cambiamenti emersi nelle relazioni con i figli in questo periodo complicato. Osservando le risposte colpisce un particolare, sembrerebbe che la figura esperta di riferimento sia solo una, mentre invece i professionisti impegnati sono cinque e con percorsi alle spalle diversi tra loro, a riprova dell’importante lavoro di allineamento e supervisione che si sta svolgendo.

Rispetto alle aspettative iniziali, il gradimento del servizio è risultato così ampio che in queste settimane si è deciso di posticiparne la durata di alcuni mesi, con l’obiettivo di accompagnare insegnanti, famiglie e studenti nell’accidentato passaggio della ripartenza scolastica. Con questa scelta si vuole promuovere e diffondere maggiormente tra le insegnanti le buone pratiche del progetto e raggiungere una più ampia parte di cittadinanza.

La dott.ssa Ilaria Scimone, psicoterapeuta del servizio e professionista di E.D.I., ci ha raccontato che qualche sua perplessità iniziale rispetto alla fattibilità di un servizio di consulenza così poco tradizionale, anche per la durata limitata e per l’utilizzo dell’apparecchio telefonico, sia stata immediatamente smentita dalla necessità di ascolto e dalla capacità di adattamento degli utenti. Nella relazione con questi, invece, l’efficacia psicologica è rimasta alta, grazie anche al coeso lavoro di équipe che si sta conducendo. Con il trascorrere dei mesi e delle fasi della pandemia è mutato anche il focus dei bisogni, dalla paura per l’incertezza e per il contagio si è passati alla riscoperta delle relazioni e alla riapertura della scuola in sicurezzaSta cambiando quindi anche la tipologia delle richieste, che probabilmente diventeranno più numerose.

Ci auguriamo che l’anno scolastico appena cominciato sia migliore di quello appena trascorso e che possa svolgersi in presenza. Sarà comunque fondamentale recuperare le lacune e il tempo non trascorso in classe e farsi trovare pronti in caso di una nuova chiusura. Sarà anche importante imparare a convivere con l’attuale situazione sanitaria, a gestire le paure e ad affrontarle per riuscire a superarle.

La Cooperativa E.D.I., che attraverso lo sviluppo dei suoi vari progetti sostiene la piena realizzazione dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, promuove l’educazione positiva in quanto opportunità e strumento prezioso per genitori e insegnanti.

(Foto di PublicDomainPictures da Pixabay)